Dove sgorga la salute in eterno – da 2000 anni le acque termali di Acqui Terme hanno effetti miracolosi

  THE WALL STREET JOURNAL (4 marzo 2011)

Il suono dell’acqua che scorre ti segue dappertutto. Il gorgogliante fiume Bormida divide Acqui Terme, con il suo ampio, poco profondo corso che si estende per quasi un centinaio di metri da una riva all’altra. Una fontana a cascata a più livelli corre lungo Corso Vigano, un’ampia strada che conduce a una grande fontana circolare al centro della piazza principale della città piemontese. Le finestre nell’adiacente Grand Hotel Nuove Terme spa sono opache per il vapore giorno e notte, le cuffie da bagno degli ospiti all’interno formano macchie indistinte di colore come una pittura impressionista in movimento.

All’esterno, le strade di ciottoli sbucano dalla piazza principale a intervalli regolari come i raggi di una ruota di carro, ciascuna piena di coppie che passeggiano, famiglie e bambini. Le strade sono piene di negozi che offrono prelibatezze culinarie locali come il salame al tartufo nero, il formaggio Montebore a forma di castello e il Castelmagno.

Ci sono destinazioni termali più grandi in Italia – Salsomaggiore in Emilia-Romagna, o Saturnia in Toscana, per esempio – ma Acqui Terme offre ai visitatori un’invidiabile miscela di terme, eccellenza culinaria e il fascino della piccola città italiana che lo rende un posto meraviglioso per rilassarsi sempre di più. La città è stata una destinazione di benessere per quasi due millenni, da molto prima che esistesse il termine spa. Ma Acqui negli ultimi anni ha visto importanti ristrutturazioni e anche una nuovissima spa benessere, in quanto si adatta al cambiamento della cultura termale, dalla cura delle malattie al riposo e al relax che molte destinazioni tradizionali di bagni termali stanno offrendo.

I ricordi dell’intima connessione della città con le sorgenti calde sono ovunque; anche il nome Acqui Terme significa “Acque termali”. In una piazza a circa cento metri dal Grand Hotel, vapore e un distinto odore di zolfo emanano da sotto gli archi di marmo scolpiti della Bollente, una fontana costruita nel 1879 da Giovanni Ceruti che è probabilmente il punto di riferimento più famoso di Acqui Terme. A tutte le ore del giorno e fino a tarda notte uomini, donne e bambini possono essere visti mentre visitano La Bollente (letteralmente “la fonte di ebollizione”), riempendo boccali e secchi con le acque curative che salgono alla superficie terrestre qui a 75 gradi Celsius .

La città fu fondata tra il I e il II secolo a.C. dai Romani, che lo chiamarono Aquae Statiellae, dal nome dei Liguri Statielli, gli abitanti locali che dovettero sottomettere per conquistare il possesso dell’area. Quello che in origine era un avamposto militare divenne presto un florido centro urbano, grazie alla posizione strategica della città a metà strada tra i porti della costa ligure e Tortona, dove la Via Emilia collegava la regione con il resto dell’Impero. Scavi archeologici condotti in città hanno portato alla luce vasche termali, un teatro, un anfiteatro, un emporio di mercato e un enorme acquedotto, sezioni delle quali possono ancora essere viste incurvarsi elegantemente attraverso la campagna circostante.

I romani calcolarono tutto perfettamente. Persino i moderni acquedotti che portano l’acqua potabile in Acqui attingono esattamente dalla stessa fonte utilizzata dai Romani.

Le acque termali naturali salgono dal sottosuolo in due punti ad Acqui Terme: presso La Bollente, alimentando le terme nel vicino Grand Hotel, e dall’altra parte del fiume Bormida al Lago delle Sorgenti, dove un la nuova spa con lo stesso nome è stata inaugurata lo scorso ottobre (2010).

Presso il centro benessere del Grand Hotel, gli ospiti possono godere di saune, bagni di vapore, piscine calde e fredde, massaggi e trattamenti di bellezza, soffermandosi dolcemente sui corridoi in moquette dell’hotel con pantofole in spugna bianca e accappatoi dalle loro camere al centro benessere al piano di sotto. Programmi serali speciali offrono alle persone la possibilità di godersi la spa dell’hotel dopo il tramonto prima di ritirarsi in camera.

Una hall colonnata e soffitti alti e stuccati conferiscono all’hotel un aspetto antico, quasi a ricordare agli ospiti che l’edificio ospitava i bagni termali sin dalla fine dell’800.

Dall’altra parte della città, i visitatori del nuovo centro termale “Lago delle Sorgenti” godono di un’esperienza notevolmente diversa, scambiando la sensazione di belle époque del Grand Hotel per la natura new age di quello che è un moderno centro benessere. A differenza dell’hotel, il centro benessere non affitta camere e ammette solo 50 ospiti alla volta per garantire a tutti lo spazio e la privacy necessari per rilassarsi completamente. Oltre ai bagni e ai massaggi, i trattamenti qui sono organizzati lungo un “percorso” di 12 tappe che comprende sale dedicate all’aromaterapia e alla terapia del suono.

In Acqui, la cura non si ferma nella spa, ma continua in cucina. Con decine di negozi e ristoranti lungo le strade della città, mangiare bene fa parte dell’esperienza di Acqui come rilassarsi nelle sue acque termali. Questo è il cuore del Monferrato, una regione famosa per il tartufo, i formaggi, il vino Barolo e piatti come la bagna càuda, una salsa piccante fatta con olio d’oliva, acciughe e aglio che viene solitamente consumata con verdure di stagione.

Sebbene il buon cibo e le acque calde attirino ancora turisti ad Acqui, il vero periodo di massimo splendore della città fu probabilmente tra la fine del XIX secolo e l’inizio della Seconda Guerra Mondiale. Costruirono un nuovo teatro e un casinò, e le Nuove Terme furono erette proprio nel centro della città. Durante gli anni ’30, le strutture termali furono notevolmente ampliate, compresa la costruzione della gigantesca piscina pubblica che fu per lungo tempo la più grande d’Europa.

I visitatori interessati a saperne di più sulla storia della città potrebbero voler visitare il Museo Archeologico di Acqui Terme, situato nel Castello dei Paleologi su una collina nel centro della città. Attraverso sei sale piccole ma attentamente organizzate, il museo espone opere d’arte e manufatti scoperti in Acqui e intorno ad Acqui, tracciando il corso delle attività umane in quest’area da pietre scolpite e levigate che risalgono al periodo paleolitico a statue e lapidi risalenti all’epoca medievale.

Uno degli oggetti esposti mostra un cerchio di pietre proveniente da un grande bagno romano circolare recuperato durante gli scavi condotti in Piazza della Bollente. Gli esperti hanno rintracciato queste pietre in Grecia, identificando il marmo come lo stesso utilizzato per costruire il Partenone, fornendo ulteriori testimonianze dell’importanza della città durante il periodo romano. Una terrazza erbosa al di fuori del museo offre una vista eccellente sulla città circostante.

     



© Copyright 2018 Immobiliarebertero.com | Tutti i diritti riservati. | Privacy & Policy | Realizzazione e management Revilla Networks Italia